Pallacanestro Open Eccellenza – 16a Giornata USR Segrate @ San Andrea 40-72

La partita in casa dei campioni in carica dura 20′ in cui rusciamo a tenere a freno la maggior esperienza dei padroni di casa. Una zona molto aggresiva nel terzo quarto ci mette in grande difficoltà e permette al San Andrea di scappare senza più guardarsi indietro.

Il primo quarto parte con entrambe le squadre più preoccupate di non subire contropiede che di andare a rimbalzo offensivo, i padroni di casa la sbloccano dalla lunetta, mentre per 8 minuti è solo Pietro Grotti a tenere in piedi l’attacco USR. Tutti suoi i nostri primi 7 punti. I padroni di casa trovano tanti buoni tagli, con i tempi giusti e tirano tanti tanti liberi (10 punti dalla linea solo nel primo quarto) riuscendo a chiudere 18-13 il primo quarto.

Nel secondo quarto riusciamo a coinvolgere anche i ragazzi in panchina e, mentre noi manteniamo una buona aggressività difensiva riducendo sensibilmente il numero di falli, i padroni di casa si inceppano un po’ in attacco e senza la consueta mole di liberi faticano un po’ di più, all’intervallo lungo siamo lì e anzi abbiamo accorciato leggermente. 31-28

Nel terzo quarto i padroni di casa partono da subito con una zona 3-2 molto molto aggressiva sugli esterni, noi ci inceppiamo in un giro palla troppo lento e senza mai cercare l’attacco in area o la palla ai lunghi, perdiamo parecchi palloni e ci esponiamo alle loro ripartenze e conseguenti falli (altri 9 punti concessi ai tiri liberi), ne esce un quarto terribile in cui mettiamo a segno solamente la miseria di 5 punti, i padroni di casa di esperienza ne approfittano per mettere in ghiaccio la partita. 57-33

L’ultimo quarto ci vede ormai demotivati e cerchiamo troppe soluzioni personali nel vano tentativo di ridurre almeno lo scarto, i padroni di casa non spingono più sull’acceleratore ma si limitano a controllare la gara allungando ulteriormente fino al 72-40 finale.

Dispiace per una partita da Dottor Jeckyll e Mr. Hide, i primi 2 quarti, nonostante ci vengano fischiati contro molti falli, siamo attenti e concentrati in difesa concedendo pochissimo a rimbalzo e limitando le palle perse. Cerchiamo di muovere la palla velocemente andando a trovare nel complesso buone soluzioni soprattutto con tiri nella zona della lunetta. Nel terzo quarto forse non ci aspettavamo tanta aggressività in difesa ma commettiamo l’errore di lasciarci spaventare e perdiamo completamente il controllo, riducendoci a cercare improbabili tiri al secondo passaggio o penetrazioni a difesa schierata, rinunciando a cercare la circolazione di palla veloce. Sicuramente anche la serata storta del capitano unita ai problemi fisici di Sala non hanno aiutato a trovare ritmo in attacco.

Vi aspettiamo per sostenere i ragazzi Mercoledì 20/02 a Rovagnasco ore 21.30 per la sfida salvezza contro POB Binzago.

Leave a Reply