7° Giornata Open A Calcio a 5: USR SEGRATE – San Rocchese 5-2

L’abbiamo attesa tanto. E finalmente, meritata e sudata è arrivata la prima vera vittoria dei rossoblu del calcio a 5. Quella contro la Sanrocchese non era solo una partita, era un test. Una prova per capire se questa squadra era cresciuta abbastanza da uscire dall’ombra e proiettarsi verso un primaverile con più soddisfazioni. E la squadra ha risposto con una prestazione davvero stupenda, per intensità, grinta e voglia di vincere. Un vittoria costruita solo con allenamento, forza di volontà, spirito di squadra e quello che ognuno poteva mettere a servizio dei compagni. La soddisfazione più bella e meritata della stagione! Bravi ragazzi!

Le Pagelle

 

ALBERZONI: 8 = Ottima prestazione per il portierone rossoblù. Si fa trovare pronto ogni volta che viene chiamato in causa, piazzando due o tre parate fondamentali quando la squadra si è trovata sbilanciata. Il terrorismo psicologico perpetuato urlando “out!” ad ogni tiro funziona, tranne che per Locatelli che ha che ha dovuto cercare la traduzione su Google Translate. Nel finale accompagna a casa Goffredo, che in realtà era il rassomigliante numero 8 avversario che comunque, per paura di farlo incazzare, è davvero andato a dormire a casa di Goffredo. Nuovo fratellino in casa Battaglia

 

 

 


 

ANDREOLLI: 8 = Dopo aver tolto i peli del persiano di razza dal paletò di Armani, Andrea Andreolli si infila i mocassini testa di moro appena risuolati e si mette alla guida della sua monovolume bianca. Nel viaggio verso Redecesio, ogni volta, la trasformazione. Trauma a tutto volume, capello ribelle, striscia sul cd di Moreno e nigeriana sulla Rivoltana (mai arrivata al campo ndr). In campo tira fuori tutto quello che ha, giocando tutta la gara senza mai fermarsi. Fondamentale nella manovra difensiva e buoni anche diversi spunti in attacco, finchè non gli sale il trip da reduce del Vietnam e tenta di abbattere a pallonate il traliccio dell’alta tensione dietro al campo. Tenta l’uscita col botto rimorchiando una del pubblico, vane le spiegazioni di chi ha tentato di dirgli che era Giuse. La vita è una Sherman frate io mi Cinciu un cifro

 


 

BARBIERI: 7.5 = Entra in campo più affamato di Mister Cella alla fiera del bollito,       facendo subito saltare due o tre tibie. Così, giusto per far capire chi comanda.       Durante la gara intercetta la bellezza di 8 passaggi, 3 tiri, 4 telefonate, 1 ufo e 6 snapchat di Coppola da bordocampo. Morde tutte le caviglie che trova dando vita a due o tre ripartenze interessanti e sfiorando anche il gol. Per essere sicuro che gli avversari abbiano inteso che con lui non si scherza, a fine prime tempo scoreggia in tutte le boracce. Teppista                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 

 

 

 


 

CANNAVO’: 7.5  = Parte col piede sbagliato scambiando il numero 14 degli avversari per Bear della Grande Casa Blu, eroe della sua infanzia, e correndo a chiedergli l’autografo. Si accorge dell’errore quando il sedicente Bear tenta di esaminargli la prostata. Il giovane talento altoatesino non si scoraggia e quando è chiamato in causa entra subito in partita. Al terzo passaggio di fila effettuato con precisione e tempismo torna a chiedersi perchè ha accettato quel posto da scafista a Lampedusa, quando poteva benissimo sfondare nel Caltanissetta. Poi tenta una girata con finta di corpo e tiro al volo, abbatte 3 borracce, e se lo ricorda. Sognatore

 


 

CARRIERI:7.5 = Il Capitano scarica il destro ogni volta che ne ha l’occasione. Nella seconda frazione di gioco scarica destro, sinistro, il cellulare, la morosa, un furgoncino e 4 film da eMule ma il gol non arriva. Nonostante ciò fa il solito lavoro sporco, chiude tutti i corridoi agli avversari, imposta il gioco e spiega a Cinciu come si usa la navigazione in incognito. Il solito insomma. Io prendo il solito grazie                                                                                                                                                    

 


 

LOCATELLI: 8 = Nel pomeriggio gli appare in bagno il Divino Jonathan, che tramite imposizione delle mani gli infonde il dono della puntazza a capocchia di minchia. Dopo il brutto periodo passato a causa della condanna ai domiciliari del suo parrucchiere, il Moris Carrozzieri rossoblu sfodera una prestazione davvero convincente. Doppietta, e tanta sostanza. Spinge la squadra aiutando a mantenere alti i ritmi. Brutta tegola nel finale quando viene scoperto con numerose foto di nudo maschile nel telefono. Sul serio Loca, apri la galleria

 

 


 

MORRA: 8.5 = Migliore in campo tra i rossoblù. Al termine della gara riceve una denuncia per stalking da diversi avversari. Spinge su ogni pallone e sembra essere in ogni zona del campo, infilando due gol letteralmente di rapina. Se continua così, sarà valso tutte e 8 le porzioni di semolino che la Società ha sborsato per riscattare il prestito ottenuto due anni fa dalla bocciofila “Nuovi Orizzonti”. Sbrocca nel finale festeggiando svestito nella vasca. Roby Nud                                                                                                                               

 

 

 


PORCELLINI: 8  = I riflessi acquisiti nascondendo la finestra di YouPorn quando entra sua mamma nella stanza, permettono al campioncino rossoblu di arrivare rapido e puntuale su ogni pallone. Deciso in difesa e preciso in attacco, gira nell’angolino un bel pallone ricevuto su calcio d’angolo, anticipando l’avversario. Dopo il gol si guarda attorno spaesato cercando di capire cosa minchia è successo, ma tanto domani va comunque in corso con la tipa, cazzo gli frega a lui? Bobone dei poveri                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   


MISTERS: 8 = Piazzano la squadra alta e aggressiva, cambiando tempestivamente gli interpreti non appena si presentava la necessità. Vedendo il destino riservato da Barbieri alle borracce avversarie, mister Frosi rovescia immediatamente le proprie salvando i ragazzi da un possibile attacco biologico. Da sottolineare il grande cuore di mister Romeo, che investe gran parte della partita ad asciugare le lacrime di mister Cella, scoppiato in pianto incredulo davanti a uno stop al volo di Morra. LE TRE MARIE

 

 

 

 


 

LOBBIA: s.v. = Si presenta in pessime condizioni psicofisiche a partita ormai finita, vaneggiando di presunti incontri con Sherman poco prima… DISORIENTATO

 

 

 

Leave a Reply