10° Giornata Open Maschile cat.a Pallacanestro ACLI TRECELLA – USR SEGRATE 62 – 54

Numero Giocatore Min Pnt TR2 TR3 TLib TRTot RO RD RTot Ass Trn Rub Stop Falli
35 Barbieri 23:21 7 1/4

(25%)

1/3

(33%)

2/2

(100%)

2/7

(28%)

0 3 3 0 2 5 0 2
7 Cassinelli 11:26 5 0/2

(0%)

1/3

(33%)

3/3

(100%)

1/5

(20%)

1 0 0 0 0 0 0 0
4 Zerboni 17:12 1 0/6

(0%)

0/2

(0%)

1/4

(25%)

0/8

(0%)

2 0 2 2 2 3 0 2
21 Grotti 23:05 10 3/6

(50%)

1/3

(33%)

1/2

(50%)

4/9

(44%)

5 4 9 0 1 2 1 2
22 Fumagalli 17:06 4 1/3

(33%)

0/1

(0%)

2/4

(50%)

1/4

(25%)

1 2 3 0 2 0 1 2
8 Tranquilli 31:54 20 8/12

(67%)

1/9

(11%)

1/4

(25%)

9/21

(43%)

2 3 5 3 2 8 0 0
17 Noseda 23:34 2 1/5

(20%)

0/0

 

0/0 1/5

(20%)

3 6 9 3 1 1 0 4
33 Ciccarelli 17:05 2 1/2

(50%)

0/0

 

0/0

(0%)

1/2

(50%)

1 5 6 0 0 1 1 0
0 Avigni 25:45 2 1/3

(33%)

0/3

(0%)

0/0

 

1/6

(17%)

2 2 4 5 2 2 0 2
13 Fontanella 9:19 0 0/2

(0%)

0/0

 

0/0 0/2

(0%)

1 1 2 0 0 0 0 0
TOT   54 16/45

(36%)

4/24

(17%)

10/19

(53%)

20/69

(29%)

18 26 44 13 12 22 3 14

 

Manuele “Puddu” Barbieri 7,5: Grinta, grinta e ancora grinta. Chiede il cambio e poi non esce solo per confondere gli avversari. Peccato un paio di palloni persi per la foga della rimonta. Nel finale dà tutto, un rene, un polmone, e un paio di ossa lasciate al 6 avversario, ma non basta. Che Puddenza

 

Davide “Cassi” Cassinelli 6,5: Prendere una Ferrari (facile vero?). Facciamola più semplice, prendete una buona macchina, tirate il freno a mano (non tutto, solo un pochino), mettete in prima e partite. Avete appena imparato a fare l’odore di bruciato con la frizione. Perché tutto questo? Perché ogni tanto è l’impressione che si ha a vedere giocare il buon Cassi, come se giocasse appunto col freno a mano tirato. Io aspetto il rombo del motore. (P.S. non gli viene fischiato un fallo contro in cui il rumore dello schiaffo ha mandato in risonanza la palestra dell’Orpas). Opel Corsa

 

Matteo “Fonta” Fontanella 6: Nel secondo quarto entra e sembra spaesato come Shaq in un ristorante vegano. È gentile perché lascia agli attaccanti avversari anche il tempo e lo spazio per pettinarsi prima di tirare. Dopo la strigliata all’intervallo rientra e difende come il coach gli chiede tira fuori le palle che aveva dimenticato in macchina. Scoppio Ritardato

 

Pietro “Nash” Zerboni 6,5: Avessero unto il ferro del canestro di grasso, l’avessero circondato di filo spinato e ci fosse stato un cecchino in tribuna a sparare a qualsiasi oggetto si avvicinasse al canestro i suoi tiri avrebbero avuto più fortuna di entrare. Il ferro respinge tutte le sue conclusioni sfidando le leggi della fisica, ma il buon Zerba non demorde. Solita forza agonistica, ogni tanto scompare tra le maglie avversarie per ricomparire magicamente con il pallone, come i migliori esfiltratori. “Argo vaffanculo”

 

Nicola “Nigel” Tranquilli 8: è finito l’anno della Misericordia e Nigel non perdona più. Ogni pallone rubato (8!) è un contropiede e canestro segnato. Oggi in veste di capitano gioca un’altra partita eccellente e il coach lo spreme. I tiri da 3 sono un po’ forzati (un po’ come convincere Korver a difendere) e ne escono pessime percentuali. Nel finale probabilmente aveva meno energia del cellulare di Steve dopo una navigata sui social, e i suoi liberi avevano la voglia di vivere di Curry dopo le Finals dell’anno scorso. Ma l’MVP è lui. Giustiziere

 

Carlo “Shaq” Noseda 6: Nel primo tempo sembra Baymax di Big Hero 6, sembra che gli dispiaccia essere più grosso e più forte degli avversari e non infierisce, in più il gancio sotto canestro assomiglia un po’ più ad un cross di Abate. Nella ripresa comincia a crederci e attacca meglio in post. Epico in difesa quando si piazza in mezzo all’area (vuota) allargando le braccia e urlando agli altri dove venivano portati i blocchi. Intanto sul perimetro succede di tutto e lui è lì, come ultimo baluardo, a presidiare l’area, stile Cristo sul Corcovado, mancava solo una musica dei Two Steps From Hell. Perde un pallone velenosissimo sul -4 a 40” dalla fine, ma non abbiamo perso per colpa sua. La prossima Shaq vogliamo 10 punti! “Fuggite, sciocchi”

 

Paolo “Fuma” Fumagalli 7,5: Dopo la stoppata in corsa sul contropiede avversario mi ha scritto mio padre da Modena chiedendomi perché avevo urlato. Un lottatore nato, ogni penetrazione che fa è come se fosse l’ultima della sua vita (come disse… no dai, qua no) e gli avversari fanno di tutto per accontentarlo. Da buon bergamasco tenta di accoppare il numero 6 avversario in uno scontro che neanche Salvini. Eroico

 

Marco “Cicca” Ciccarelli 7: La sua descrizione della sua prestazione è l’emblema del personaggio: “Ho sbagliato qualcosa? No. Ho preso i miei rimbalzi? Sì. Magari qualche tiro però…”. Cicca è una sicurezza quando è in campo, ma tira meno di Lapo in un centro di recupero per tossicodipendenti. Magari poteva farne qualcuno in più, in una serata dove nessuno ha fatto particolarmente bene! Cicca Elkann

 

Matteo “Sbri” Avigni 7: Il tiro da killer che aveva nella prima metà di stagione sembra al momento essere lontano. Rimangono però ottime le doti da play, l’unico vero della squadra in grado di fare della buona regia e di saper dettare il ritmo del gioco, il che lo rende fondamentale anche quando dal tiro sparacchia più di De Andre ai liberi. Nelle prossime partite, un po’ più semplici, ci si attende di rivederlo sfondare la doppia cifra di punti! Pendolo

 

Pietro “Pietrushka” Grotti 7,5: Doveva essere decisivo a rimbalzo e lo è stato, tanto da sfiorare la doppia doppia. Grande partita di sostanza di Pietrino, che si prende il lusso di mettere anche una delle poche triple della serata. Sempre presente, per gli avversari è più fastidioso delle telecronache in arabo delle partite in streaming. Combattente

 

Coach Clex 7,5: Spreme i titolari fino alla fine e non gli riescono ancora bene le sostituzioni a cavallo tra primo e secondo quarto Certo, l’assenza all’ultimo di Steve gli fa cambiare i piani all’ultimo. Motivatore eccezionale, riprende i giocatori e li rimette in campo con grinta, con una rimonta da -13 a -4. Sotto la sua guida questa squadra è proprio un gran godere, vietata ai minori di 18. Clexxx

 

 

Voto squadra 8: Una grinta incredibile, per quella che è finora, probabilmente, la più bella prestazione dell’anno. Sfortunati al tiro e imprecisa ai liberi (che ahimè hanno fatto la differenza), i ragazzi hanno attuato una difesa incredibile, costringendo nel secondo tempo gli avversari a quasi tutti tiri forzati. Da notare il bassissimo numero di palle perse e di falli, segno di una crescita anche di intelligenza di gioco che migliora. Così si possono vincere tutti. Avengers

Leave a Reply