4° Giornata Open Pallacanestro: ORPAS – USR SEGRATE 47-49

Numero Giocatore Min Pnt TR2 TR3 TLib TRTot RO RD RTot Ass Trn Rub Stop Falli
18 Maggioni 27:22 13 4/17(24%) 0/0 4/12(33%) 4/17(24%) 4 11 15 5 4 5 3 3
0 Avigni 27:38 12 1/5(20%) 3/5(60%) 1/2(50%) 4/10(40%) 1 4 5 5 1 2 0 1
4 Zerboni 15:58 0 0/2(0%) 0/2(0%) 0/0 0/4(0%) 0 1 1 0 1 0 0 0
23 Bugo 7:03 0 0/2(0%) 0/0 0/0 0/2(0%) 0 0 0 0 1 0 0 1
21 Grotti 23:55 6 3/8(33%) 0/2(0%) 0/2(0%) 3/10(30%) 2 5 7 1 2 0 0 5
1 Robbiani 4:49 0 0/2(0%) 0/0 0/0 0/2(0%) 0 0 0 0 0 0 0 1
8 Tranquilli 10:12 3 1/5(20%) 0/1(0%) 1/2(50%) 1/6(17%) 2 2 4 1 1 0 0 1+Out
77 Noseda 14:39 0 0/2(0%) 0/0 0/0 0/2(0%) 0 5 5 0 2 1 0 3
35 Cassinelli 20:19 11 4/6(50%) 1/3(33%) 0/0(0%) 5/9(56%) 0 2 2 1 3 3 0 3
33 Ciccarelli 15:54 0 0/0 0/1(0%) 0/0 0/1(0%) 1 1 2 0 2 2 0 1
29 Piccoli 1:21 0 0/1(0%) 0/0 0/0 0/1(0%) 1 2 3 0 0 0 0 0
13 Fontanella 20:28 4 1/6(17%) 0/1(0%) 2/2(100%) 1/7(14%) 3 3 6 0 2 1 0 3
TOT   49 14/56(25%) 4/15(27%) 8/20(40%) 18/71(25%) 14 35 49 12 19 14 3 22+Out

 

 

Davide “Mage” Maggioni 8: Nell’ultimo quarto si prende le responsabilità da capitano con due stoppate da circo, compresa l’ultima che decide la partita. Nel secondo quarto i suoi sono gli unici canestri, e nell’ultimo quarto segna un contropiede decisivo. Ci mette anima e corpo, ancora in doppia doppia, peccato per la scarsa lucidità al tiro. Capitano mio capitano

 

Matteo “Sbri” Avigni 8: il primo quarto apre con due triple da paura, regia perfetta, intoccabile. Giocatore fondamentale, perno della squadra. Applausi. Rischia di venire accoppato dagli interventi scriteriati dei falegnami avversari. Pietra angolare

 

Pietro “Nash” Zerboni 6: Risente della fisicità della partita e non riesce mai ad entrare nel vivo del gioco offensivo della squadra. Detto questo è sempre perfetto esecutore delle istruzioni del coach. Diligente

 

Filippo “Filo” Bugo 5: Taglia un po’ troppo fuori, dimenticandosi che per giocare è fondamentale avere la palla e manca il rimbalzo. Sempre fuori dalle marcature. Rimandato (ma può passare il debito alla grande!). AC/DC (Alla Cazzo Di Cane)

 

Pietro “Pietrushka” Grotti 6,5: Almeno i falli che gli avessero fischiato fossero stati cattivi… Il buon Pietrino è sempre un tuttofare, oggi sbaglia un po’ di scelte e forza un paio di tiri. A rimbalzo soffre anche lui la fisicità degli avversari. Forza Operaia

 

Robbia 6: Ha un compito: marcare il 33. Lo esegue. Non gli è chiesto altro, e quando tira (o passa stile arcobaleno) si capisce perché. Ben fatto ragazzo. Cozza

 

Nicola “Nigel” Tranquilli 1: come le giornate che si prenderà di squalifica.  #TranquilliUnC***o

 

Carlo “Shaq” Noseda 5,5: I primi due quarti va a prendere i rimbalzi come fossero farfalle. Poi il coach scommette su di lui nel finale e con una zampata (letteralmente) ruba un pallone decisivo, riscattando una partita di anonimato. Detto questo deve accorgersi che è un Grizzly e può dominare l’area. Snorlax

 

Davide “Cassi” Cassinelli 7,5: Che partita il ragazzo! Cassi si dimostra un asso dei recuperi e la percentuale ai tiri dimostra che la forma top pian piano si avvicina! La sua tripla a difesa avversaria schierata dà il via alla rimonta! S-Cassi-natore

 

Marco “Cicca” Ciccarelli 5,5: Era la prima partita ed era una delle più difficili. Perde troppo spesso il marcatore e si addormenta un po’, in attacco non entra mai in rotazione. Ma era solo la prima, dategli tempo e il ragazzo ripagherà. Ciccata

 

Claudio “Mitch” Piccoli 6,5: L’indicazione del coach al suo ingresso è “hai un minuto e venti per fare cinque falli”. Ma Mitch è troppo buono e si accontenta di tre rimbalzi. Con una finta manda al Bar della Polisportiva il marcatore, poi al momento di tirare sente il profumo di brioche e decide di andarci anche lui. 007 – Licenza di Uccidere

 

Matteo “Fonta” Fontanella 6,5: Primo canestro dell’anno, ma non solo. Nonostante una percentuale rivedibile Fonta oggi c’è, piglia rimbalzi, ci prova, difende. Fondamentali i suoi due liberi nel finale di partita che fanno respirare la squadra. Aspettiamo ulteriori miglioramenti. È come un buon formaggio che deve ancora stagionare. Fontina

 

Coach Clex 7: Ottima scelta del quintetto, sbaglia invece tutto nel secondo quarto dove schiera una squadra mood macellai ma con solo Nigel come terminale offensivo. Il problema è che tiene questa formazione tutto il quarto e la squadra segna solo 5 punti. Ottima invece l’idea di mischiare tutto nel finale e giocare con Mage e Shaq (che effettua la rubata decisiva). La squadra è resistente ma non deve mancare di qualità! Ma il nostro coach sa sempre come riscattarsi, ed è in testa alla classifica. Clexiglas

 

 

Mi permetto di dire una cosa.

Siamo al CSI (non la serie televisiva thriller di Italia1), quindi un campionato di zappatori e falegnami, che al posto delle mani hanno le vanghe, ma giocano per passione e divertimento, col dovuto agonismo certo, ma per il desiderio di godersi uno sport bellissimo come quello della palla a spicchi, insieme. Un arbitraggio come quello di oggi, mi permetto di dirlo solo come parere personale, istiga violenza in campo. Si sono visti falli da orbi (mancava la six-one-nine e sarebbe stata una bellissima puntata di SmackDown) non sanzionati e scaramucce fischiate come se fossero infrazioni da criminali.

Ci sta chi simula (più o meno), ci sta chi preso dall’agonismo commette falli stupidi. Però mi auguro di non vedere più una partita arbitrata così, dove i giocatori prendono sberle gratuite alla luce del sole.

Agonismo è un conto, farsi male è un altro.

Non è una critica all’arbitro o agli avversari, solo mi sento di chiedere di avere più accortezza verso chi gioca.

Scusate la parentesi prolissa, ma la sentivo necessaria.

Leave a Reply